arredamento per la casa

Come costruire un divano originale

Come la maggior parte dei componenti l’arredamento interno ed esterno della casa anche la scelta del divano ha la sua importanza.
Sono moltissimi i modelli che si trovano sul mercato, dallo stile classico allo stile moderno, da due o tre posti poco importa, ma l’importante è averne uno adatto alla funzione che dovrà svolgere, ad esempio i divani karup.
Se sei amante del fai da te, in questo articolo vedremo come costruirne uno in muratura utile per arredare il tuo giardino.
Costruire un divano in muratura può sembrare una cosa bizzarra e difficile ma nella realtà è semplice e veloce.
Il materiale utile al nostro scopo:
• Cellublock
• Cemento
• Tavola di legno
• Materasso
• Cuscini
Per prima cosa prender le misure e aver in mente la forma che si vuol creare. Importanti saranno lunghezza ed altezza utili per calcolare il numero di cellublock necessari per la costrizione della struttura del nostro divano.
Non occorrerà creare un basamento di cemento per la nostra costruzione, ma potremo procedere a posare il primo cellublock creando il perimetro di quello che sarà la struttura portante del nostro divano direttamente sul terreno. I cellublock saranno uniti tra loro dal cemento precedentemente impastato in un apposito contenitore.
Una volta terminata la struttura, che sarà costruita in prossimità di un muro al fine di risparmiare tempo e cellublock con risparmio anche in termini economici, si posizionerà la tavola di legno; anch’essa dovrà esser fissata alla struttura con chiodi e cemento. La tavola, una volta chiaro il progetto, potrà esser acquistata a misura.
Una volta posizionata la tavola di legno non rimarrà altro che adagiarvi sopra un materasso della stessa dimensione precedentemente ritagliato e rivestito. Vanno bene anche i materassi di gommapiuma che possono esser reperiti presso delle tappezzerie.
Infine appoggiare al muro che svolgerà la funzione di poggiaschiena i cuscini scelti.
La base potrà esser lasciata al grezzo o rivestita (potrà esser rivestita con mattonelle simil sasso oppure rasata con materiale apposito).

Read More

Come scegliere il tavolo da pranzo

La scelta del tavolo da pranzo può essere una scelta complicata, soprattutto se non sappiamo quello che dobbiamo cercare. Le opzioni sono infinite. In passato acquistare un tavolo da pranzo era una cosa piuttosto semplice. Ma tutto è cambiato, infatti la casa moderna è composta da diversi stili, tendenze e forme. A questo si aggiunge l’open space che ha demolito la tradizionale sala da pranzo. Cerchiamo di fare chiareza sulle varie tipologie di tavolo da pranzo.
Il classico tavolo rettangolare
La forma del tavolo è il primo problema che dobbiamo affrontare. Quella rettangolare è, ovviamente, la più comune fra tutte. Universalmente amata, sia per la suo aspetto regolare sia per la sua funzionalità. Infatti offre delle linee rette pulite e ben definite. Che si tratti di una cena o di una bella serata in famiglia, questa soluzione è l’ ideale.
Tavoli rotondi: i salvaspazio
Se il tavolo da pranzo rettangolare è la scelta più comune, quella la rotonda o ovale rimane la soluzione migliore per sale da pranzo piccole. C’è anche da considerare come i tavoli rotondi aiutino a creare un ambiente intimo.
Il quadrato perfetto!
Un tavolo da pranzo quadrato è probabilmente l’opzione meno scelta. Adatto soprattutto a sale da pranzo di grosse dimensioni, sono consigliati per ospitare al massimo 4/6 persone.
Qual è il tuo stile?
Ogni stile di tavolo deve adattarsi all’ambiente circostante e al nostro gusto personale. Vediamo qualche esempio: quando abbiamo da inserire un tavolo da pranzo in un open space, è meglio optare per una soluzione che possa estendere in modo naturale il resto della zona giorno; oppure si utilizza un tavolo”rustico” in un contesto moderno; ancora, se possediamo un piccolo monolocale, i tavoli in vetro ed acrilico potrebbero essere le soluzioni ideali e via dicendo.
Insomma ad ognuno il suo stile!

 

Visita http://piransigfrido.it/contatti per scoprire le tipologie di tavoli più belli!

Read More